Impianti telefonici e di trasmissione dati

Nei moderni edifici, siano essi a destinazione residenziale sia terziaria, gli impianti telefonici e di trasmissione dati assumono un’importanza sempre più rilevante, e quindi la loro corretta predisposizione e installazione è la condizione necessaria per prevenire inconvenienti quali interferenze e malfunzionamenti ed agevolare futuri e sempre più probabili ampliamenti e/o modifiche.

L’impianto telefonico (a monte di quello delle unità immobiliari) consta di:
• canalizzazione per il raccordo dell’edificio (inteso come l’insieme delle unità immobiliari servite da un vano scale) alla rete telefonica – trasmissione dati esterna;
• punto per terminali della rete telefonica – trasmissione dati esterna (pubblica);
• canalizzazioni montanti e cassette di derivazione.
Per quanto riguarda le canalizzazioni (soprattutto nel caso di destinazione residenziale) si consiglia di prevedere una cassetta di derivazione ad ogni pianerottolo, posata ad un’altezza di 25÷35 cm dal pavimento, mentre per i tubi protettivi è ammesso collocare un tubo protettivo da almeno 32 mm fino a 10 unità immobiliari; da 11 fino a 24 unità immobiliari devono essere predisposti 2 tubi affiancati del diametro esterno di almeno 32 mm (per edifici con vani scala con più di 24 appartamenti o aventi particolari caratteristiche, è opportuno esaminare congiuntamente alla Società Telefonica, quale sia la soluzione più conforme alle rispettive esigenze).
Il cavo telefonico, nel tratto che va dall’armadietto posto alla base delle canalizzazioni montanti fino alla prima scatola posta nell’appartamento, non deve avere interruzioni; i collegamenti, presso l’armadietto, devono essere numerati, possibilmente con il numero dell’interno dell’appartamento.
L’armadietto cui si è fatto cenno sopra è di norma di tipo unificato ad incasso ed accoglie il terminale della rete telefonica secondo gli accordi presi con la Società Telefonica; detto terminale deve essere raggiungibile senza l’ausilio di alcun tipo di scala e pertanto si consiglia che la sua installazione avvenga ad un’altezza compresa tra 90 e 120 cm dal pavimento.
Particolare attenzione deve infine essere posta per la realizzazione del raccordo tra corpo edificio e rete telefonica.
In genere tale raccordo è posato in un cavidotto interrato in materiale isolante, la cui dimensione (diametro) deve essere concordata con la Società Telefonica.
In mancanza di tali accordi è opportuno prevedere un diametro non inferiore a 125 mm. Le indicazioni sin qui fornite valgono in generale per tutti gli impianti telefonici e di trasmissione dati.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *